Venezia

Una città nella città, un itinerario del Ghetto di Venezia, tra Museo Ebraico, sinagoghe e il “Sestiere di Cannaregio” il quartiere che appunto include anche il Ghetto cityUna città nella città, un itinerario del Ghetto di Venezia, tra Museo Ebraico, sinagoghe e il “Sestiere di Cannaregio” il quartiere che appunto include anche il Ghetto.

Questo è il più popoloso quartiere veneziano dove vive la maggior parte della popolazione residente.  Quindi al fascino di Venezia unisce anche quello di non essere troppo turistico cosa che si apprezza al  meglio passeggiando per i suoi vicoli tra negozi di quartiere, oppure di prodotti artigianali o di articoli vintage.

Il Ghetto di Venezia ha una storia affascinante da raccontare se cerchi qualcosa di diverso dagli itinerari turistici più battuti. I punti più interessanti sono: il sestiere di Cannaregio, le sinagoghe ebraiche, il Museo Ebraico di Venezia. La visita potrebbe incominciare entrando nel ghetto attraversando il meraviglioso Ponte delle Guglie, porta d’accesso al Ghetto. Durante il tour, la guida racconta la storia di questo luogo e spiega come viveva la comunità ebraica della zona. Il Ghetto ebraico di Venezia è forse uno dei più famosi al mondo e sicuramente uno dei più antichi.  Intorno all’XI secolo, quindi in pieno Medioevo, gli ebrei fecero la loro comparsa nella città lagunare, per poi avere documentazioni di una presenza ancora più forte a partire dal XII. Un decreto del 1516 del governo della Repubblica stabilì che la comunità ebraica dovesse risiedere nel ghetto, che tutt’oggi si trova nel Sestiere di Cannareggio. A Venezia nel ghetto si incorre in moltissimi aspetti riguardanti la storia, la vita e la cultura del popolo ebraico a Venezia: il rapporto tra gli Ebrei e i veneziani prima dell’apertura del Ghetto, la storia dei tre ghetti veneziani (Vechio, Novo, Novissimo) e il perché del nome ghetto, le insolite e ardite soluzioni architettoniche e urbanistiche nella città degli Ebrei, usi e soprattutto costumi diversi delle varie comunità, le contaminazioni giudeo-veneziane in cucina e nella parlata, tradizioni e festività nell’ebraismo di ieri e di oggi, riti e simbologie, il calendario ebraico, i tesori d’arte ebraica, sinagoghe e museo (solo esterni), i banchi dei pegni, i mestieri al Ghetto, storia del Ghetto dalla caduta della Serenissima al Novecento, l’antisemitismo e le leggi razziali, le retate naziste e gli atroci crimini, la comunità ebraica oggi a Venezia.

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 4 giorni / 3 notti

da € 1.390

Articoli che potrebbero piacerti

Alla scoperta della Giudecca, un percorso nel cuore sconosciuto ma affascinante della città. Partendo dal Castello Ursino, il tour si snoda alla scoperta della Giudecca di “iusu” e “susu” attraverso le vie dell’acqua, vicoli, monumenti e segni della presenza ebraica a Catania. Il Castello Ursino, voluto da Federico II di Svevia venne costruito tra il […]

Le attuali presenze di vestigia ebraiche a Cividale sono poche, nonostante le prime origini della presenza ebraica nella città di Cividale sembrerebbero addirittura risalire al VI secolo A.C. Questa affermazione trae origini da quanto sarebbe stato scritto su una lapide trovata sotto la Porta di Borgo San Pietro, poi misteriosamente scomparsa, al posto della quale […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

LaTour I-Talya
Powered by Go World SRL - www.goworld.it

Premio Turismo responsabile Italiano 2011