Sabbioneta

Città ideale rinascimentale, chiamata la “piccola Atene” padana è in realtà una “piccola Roma”, ideata dal principe-mecenate Vespasiano Gonzaga Colonna sul modello delle antiche città romane.

Il Principe Vespasiano Gonzaga Colonna aveva già progettato, come viceré di Navarra, la cittadella di Pamplona in Spagna, ma quando decide di costruirsi la sua città-stato nella terra natale, lo fa con una pianificazione urbana che tiene conto della visione moderna e funzionale del Rinascimento.

La visita potrebbe incominciare da porta Vittoria (1567) per arrivare alla chiesa dell’Incoronata (1586-88) che ospita il mausoleo di Vespasiano con la statua in bronzo del duca realizzata da Leone Leoni. Pochi passi, e ci si trova in piazza Ducale con l’omonimo Palazzo che fu il centro dell’attività pubblica di questa città stato e che sicuramente merita una visita.

Interessante notare come a Sabbioneta non fu mai istituito un ghetto e come la bella Sinagoga, che andremo a visitare subito dopo, si trova nelle immediate vicinanze del Palazzo Ducale, altra testimonianza dell’atteggiamento di apertura e tolleranza dei governanti locali verso la popolazione ebraica.

Le ultime tre perle che visiteremo, sono l’incredibile Teatro Olimpico, altro “capolavoro ideale” rinascimentale, la Galleria degli Antichi e il contiguo Palazzo del Giardino, un edificio bianco molto semplice, ma con degli interni la cui ricchezza e fastosità sicuramente vi colpiranno.

Articoli che potrebbero piacerti

La presenza ebraica risale alla fine del XIII secolo. La Comunità visse in condizioni relativamente tranquille dedicandosi al commercio e al prestito di denaro. Il passaggio della città alla Repubblica di Venezia (1405) determinò un progressivo inasprimento delle condizioni. Rimase tuttavia permesso agli ebrei di laurearsi presso la prestigiosa università della città, sia pur con […]

Le attuali presenze di vestigia ebraiche a Cividale sono poche, nonostante le prime origini della presenza ebraica nella città di Cividale sembrerebbero addirittura risalire al VI secolo A.C. Questa affermazione trae origini da quanto sarebbe stato scritto su una lapide trovata sotto la Porta di Borgo San Pietro, poi misteriosamente scomparsa, al posto della quale […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

LaTour I-Talya
Via Brecce Bianche 68 - 60013 Ancona

Premio Turismo responsabile Italiano 2011