Mantova

Le prime presenze ebraica nella città risalgono al 1145, ma è nel 500 che la comunità conosce la sua maggiore crescita.  Infatti in questo secolo vi furono fondate bel 12 sinagoghe, chiamate “Scholae”, che fungevano sia come luoghi di culto che appunto come “scuole”, quelle che chiameremmo oggi “yeshivot”. Tutte e 12 furono distrutte nel 1630 durante il sacco di Mantova da parte dei Lanzichenecchi al soldo dell’Imperatore Federico II. Di queste, 6 furono riscostruite successivamente tutte concentrate nella zona del ghetto, tra cui la Grande Sinagoga demolita nel 1940 e di cui oggi rimane il ricordo nel nome della via ove sorgeva.

In ogni caso le testimonianze rimaste della presenza ebraica a Mantova meritano una visita. Questa può incominciare dalla Rotonda di San Lorenzo, un’imponente chiesa romanica costruita nell’11° secolo e da tempo immemore sconsacrata e trasformata in un magazzino per lo stoccaggio del carbone, della legna e di altre mercanzie  e da dove si accedeva al ghetto attraverso un portone. La sua apertura all’alba e la sua chiusura alla sera era compito di un cittadino mantovano cristiano, il “chiavaro”. L’aspetto del dedalo di vie e degli edifici che costituivano il ghetto non è quello originario perché all’inizio del 20°secolo la maggior parte della zona fu soggetta ad un risanamento edilizio. Comunque particolarmente caratteristiche sono le zone di Via Calvi e dintorni, la “Casa del Rabbino” con alcune decorazioni sulla facciata Piazza Bertazzolo e Via Norsa dove si trovano diverse case  con balconcini con porte finestra in stile sefaradita. Su una porta d’ingresso è ancora visibile il segno lasciato da una mezuzà lì apposta chissà quanto tempo fa.  Attrazione maggiore rimane comunque l’unica sinagoga sopravvissuta, la Sinagoga Norsa Torrazzo che, come tutte le sinagoghe degli antichi ghetti, si presenta esternamente assolutamente anonima, ma che poi sorprende con i suoi suntuosi interni.

Articoli che potrebbero piacerti

La Milano del 1945, punto di confluenza e d’incontro dove, proprio dietro il Duomo, in via Unione, molti ebrei d’Europa arrivavano distrutti nel corpo e nell’anima, dopo la guerra e i lager, le fughe, i nascondigli, per cercare proprio qui le famiglie smembrate o imbarcarsi per la Palestina: in via Unione, infatti, c’erano non solo […]

Il quartiere medievale di Ferrara conserva le memorie di una comunità ebraica tra le più antiche d’Italia. Le prime presenze documentate risalgono al 13° secolo, ma lo sviluppo maggiore lo si ebbe nel 14° e 15° sotto il dominio degli Este fino a quando, nel 1598, Ferrara passò sotto il controllo della Chiesa che da […]

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

LaTour I-Talya
Via Brecce Bianche 68 - 60013 Ancona

Premio Turismo responsabile Italiano 2011